BIOGRAFIA

CINEMA

TELEVISIONE

CONCERTI

COLLABORAZIONI

PROGETTI

GALLERY

CONTATTI


Sala registrazione

Riccardo Della Ragione nasce a Piacenza ma la sua famiglia dopo pochi anni si trasferisce a Livorno. Comincia durante la scuola media a seguire i corsi di chitarra classica tenuti il pomeriggio fuori dagli orari scolastici. In seguito lo studio della chitarra classica lasciò spazio alla musica Country e alla creazione di una prima formazione composta da un trio di chitarre acustiche, gli “N.C.R”.
L’approfondimento del suo strumento lo portò a sperimentare l’improvvisazione nelle band di Blues e a creare un gruppo di Rock progressivo italiano, i “Dark horizon”. Alla fine degli anni ottanta si unisce a musicisti americani e italo americani per formare i “Target one”, band con la quale suona nelle basi militari americane e in varie città italiane.
La passione per la musica live non l’ha mai abbandonato e tra le formazioni più interessanti ricordiamo “Riccardo Della Ragione group” i "Soppalko"” e “2 Friends 4 Hands” un duo acustico che vede Riccardo suonare e cantare insieme al percussionista Karl Potter. In seguito la formula “2 Friends 4 Hands” diventa un format di concerto che Riccardo condivide insieme ad altri musicisti del panorama straniero e italiano.
Riccardo continua a studiare privatamente composizione, arrangiamento e orchestrazione sin dal 1994 con il Maestro Susini e nel settembre del 1999 si iscrive ad un corso di specializzazione per compositori di musiche per teatro, cinema e televisione. Il corso, organizzato dall'associazione Ars Nova ed il conservatorio di Livorno, era indirizzato ai diplomati di conservatorio e prevedeva un test di ammissione che Riccardo superò brillantemente. Questo corso, occasione insolita per la città di Livorno, fu tenuto da Germano Mazzocchetti, Nicola Piovani, Fabrizio De Rossi Re, Pierre Sauvageot, Aldo Tarabella, Marco Baraldi e Claudio Vaira. Una formazione prestigiosa che Riccardo metterà a frutto negli anni successivi.
Le sue prime composizioni come cantautore sono le canzoni pop realizzate agli inizi degli anni 90, e proprio il 1990 è l’anno della sua prima pubblicazione a cura della Interbeat Music di Roma. Il suo stile è facilmente riconoscibile sia per le sonorità anglosassoni che per la peculiare timbrica vocale. Nel 1999 incontra il regista romano Stefano Calvagna che aveva scelto Livorno come location per il suo primo film “Senza paura”, sarà questa la sua prima colonna sonora. Il salto di qualità dal punto di vista discografico avviene in seguito alla realizzazione della colonna sonora del film "L’uomo spezzato" di Stefano Calvagna, uscito nel 2006, in quell'occasione Riccardo stringe il contratto di distribuzione del CD con la Warner Music Italy. Nel 2007 conosce Monica Sgambellone e Barbara Sgambellone, due giovani registe torinesi impegnate nella direzione di “Tutti intorno a Linda”, film prodotto dalla Dania film e uscito nei cinema nel 2009. Nello stesso anno incontra un altro regista, Giovanni Galletta, che gli commissiona la realizzazione della colonna sonora della sua opera prima “Dopo quella notte”, uscito nelle sale nel luglio del 2010. Sempre nel 2010 compone "La mùsica de mi vida", brano che viene inserito nella colonna sonora del film "Caribbean basterds" del regista Enzo G. Castellari. Un altro passo importante è la collaborazione con il regista italo francese Michael Zampino. Il suo film, “L’erede”, è caratterizzato dal lavoro di squadra ed esprime il giusto equilibrio tra musica ed immagini.
Riccardo, inoltre, non manca di esprimersi anche per il piccolo schermo e per il teatro. A partire dal 2003 inizia a lavorare per la RAI, sia come direttore d’orchestra, sia come autore e interprete di sigle televisive, è proprio la RAI che gli commissiona la realizzazione delle sigle televisive della trasmissione di Capodanno 2003 / 2004 / 2005, nell’estate 2005 compone ed interpreta, con la propria orchestra la sigla della trasmissione estiva “Insabbiati”, nel 2006 partecipa come ospite alla trasmissione “Capodanno Italiano” con un brano tratto dalla colonna sonora del film “L’uomo spezzato” e nell’estate dello stesso anno viene ingaggiato come direttore d’orchestra nel varietà estivo di RAI 2 “Tintarella di luna”. Nel Dicembre del 2008 compone ed interpreta la sigla per la trasmissione televisiva del Capodanno di RAI 1 “Navigando sulle note di Capodanno”.
Nella propria città coltiva il legame con il teatro realizzando le musiche per il vernacolo livornese del regista Antonio Cristiano, e nel 2009 compone le musiche del reading “Odisseo” per il Teatro Goldoni.
Contemporaneamente all’ambito artistico si dedica alla ricerca musicale in ambito terapeutico. La musicoterapia e l’applicazione della musica in ambito educativo, hanno caratterizzato i progetti al quale Riccardo Della Ragione ha lavorato a fianco degli insegnanti delle scuole medie ed elementari nella città di Livorno. Insieme ai bambini e agli insegnati sono state realizzate rappresentazioni, mostre e spettacoli. Gli incontri, del 1999 con il professor Leonardo Milani della “psicologia del benessere” e del 2003 con il terapista Pierluigi Pazzagli, lo hanno ispirato verso la ricerca nella terapia vibroacustica. Già nel 1998 i suoi studi sulla musicoterapia, in un primo momento, e sulla terapia vibroacustica, successivamente, lo portarono ad esprimere la propria creatività anche in questa direzione. Nel 1999 inizia ad elaborare un progetto che prevede l’utilizzo della musica nell’ambito sanitario e dei trattamenti benessere. Nel Novembre 2004 brevetta ufficialmente “AcusticA” la poltrona letto per i trattamenti vibro-acustici.

Riconoscimenti

  • Festival di Massarosa, miglior autore del testo per la canzone "Con tutto il coraggio"
  • Premio Rino Gaetano, premio della critica per la canzone "Con tutto il coraggio"
  • Anni 90 compilation, premio compilation cantautori Interbeat Music “Anni 90”
  • Fesival Maremetraggio, premio canzone del corto "Soprattutto amore" diventata la sigla del festival
  • Premio triennale Giovanni Spadolini, per la colonna sonora del film "OdioAmore"


Home Page

Continua